IMG-20211004-WA0012

 

245196697 370488478144120 8976461576729929837 n245238589 370488544810780 208578678257254648 n

245150337 370488598144108 3349046568704456872 n244771412 370488634810771 4120917687976588450 n

244649225 370488671477434 7727553904396376383 n

Sabato 24 luglio, in Valle Adamè, si è tenuta la cerimonia in quota a 2.200 metri.

 

 224681640 1983473251835519 956401866245096921 n223508731 1983473628502148 7856143916264830245 n

224681505 1983473458502165 8843621998559938362 n219930941 1983473858502125 4400849102382021906 n

sabato 27 luglio una rappresentanza del Gruppo Alpini di Cernusco sul Naviglio è salita al rifugio Serafino Gnutti in val Miller (Sonico, BS) percorrendo, assieme ad alcune centinaia di altri Alpini, una porzione di quegli stessi sentieri che cento anni fa sono stati il feroce sfondo di ghiaccio che ha accolto i combattimenti adamellini.
Cerimonia tenutasi nell'orbita del 56° Pellegrinaggio in Adamello dedicato quest’anno dall’ANA della Valcamonica a Serafino Gnutti, medaglia d’oro al valore, caduto sul fronte greco-albanese nel 1941.
Tra le autorità presenti, oltre al presidente nazionale dell'ANA Sebastiano Favero, il comandante delle Truppe Alpine, Gen. C.A. Claudio Berto (che ha raggiunto i luoghi della celebrazione salendo a piedi dalle rampe del Miller) e il Mons. Angelo Bazzari, presidente onorario della Fondazione Don Gnocchi.

 

 68799506 1193663437483175 2306986290853183488 o68591503 1193663254149860 8876895513257967616 o67952262 1193663404149845 5428976169816948736 o69021590 1193663514149834 4527470497255915520 o

 

2003 – A fine novembre un gruppetto di nostri Alpini ha accompagnato a Roma all’udienza del Papa gli ammalati del Centro don Gnocchi di Pessano. L’udienza in sala Nervi ha visto raccolta tutta la fondazione Don Gnocchi in occasione della chiusura dell’anno del Centenario di nascita di Don Carlo. Nella stessa circostanza si è chiesto a sua Santità di poter accelerare, sempre se possibile, la sua causa di beatificazione. Roma1Roma2

Sabato 3 novembre 2018, alle ore 19, in occasione delle celebrazioni per il centenario della fine della Grande Guerra, ci siamo raccolti presso il monumento ai Caduti ospitato nella nostra Sede di Cernusco sul Naviglio per ricordare degnamente quei giovani italiani che hanno donato la vita ispirati da valori che oggi sentiamo farsi sempre più attenuati e vaghi tra i nostri ragazzi; e non solo: per non dimenticare.

Ringraziamo il Sindaco di Cernusco s/N, Ermanno Zacchetti; il Senatore Eugenio Comincini; l'Associazione Nazionale Bersaglieri Gruppo di Cernusco s/N e tutti gli amici presenti per averci accompagnato in questa intensa ed evocativa esperienza.

-----------------------------------------------------------------------

Sono passati 100 anni ma per noi Alpini e iscritti ANA il tempo non è passato se non sul calendario. Per noi è come se fosse oggi, fedeli all'impegno preso da nostri vecchi e soci fondatori e inciso lì sulla Colonna Mozza dell'Ortigara "per non dimenticare".

È con questo spirito e con questi sentimenti di memoria e di riconoscenza che siamo qui di fronte al monumento che ricorda i nostri Caduti di tutte le guerre e con loro idealmente tutti i Caduti di ogni parte morti nel compimento del loro dovere.

Il pensiero va a quei ragazzi e uomini di cento anni fa che hanno dato il meglio di loro stessi, tanti fino al sacrificio estremo della vita, per permettere oggi a noi di vivere in una Italia e in un modo migliore.

Tocca a noi allora saper cogliere appieno il loro messaggio, il loro grido che ci invita e sprona a costruire una società libera e in pace, fatta di persone che sappiano dialogare e condividere con atti di solidarietà i valori che loro ci hanno lasciato.

Quei valori con la famiglia, la Patria, il senso del dovere e del sacrificio, l'onestà, la millenaria civiltà cristiana, che oggi sembrano venir meno, ma che noi qui, in questo momento, ci impegniamo con forza e decisione a portare avanti per trasmetterli alle giovani generazioni con una promessa e una richiesta che il 4 novembre torni a essere la festa nazionale per tutti gli italiani, giornata "delle Forze Armate e dell'Unità d'Italia", a memoria e riconoscenza di tutti quelli che sono "andati avanti" nel compimento del dovere.

Viva l'Italia, viva gli Alpini!

(Sebastiano Favero, presidente nazionale Associazione Nazionale Alpini)

 

46170100 1023058914543629 855702333135257600 o46095491 1023058811210306 503319752765079552 o

Altri articoli...

  1. Adamello 2011